“Da adesso in poi”

image
Storia semplice. Scorre molto velocemente. Un libro che puoi leggere in un giorno, ma che ho preferito dividere in due. Una storia d’amore che finisce, e che si supera. L’autore ha provato a descrivere il dolore, e c’è stato, ma non troppo profondo. Non mi ha trascinato nel vortice di tristezza. Superato molto velocemente.
Tanti auguri all’autore. Buona fortuna per il prossimo romanzo (augurando meno “punto e a capo”.)

Posted in Senza categoria | Commenti disabilitati su “Da adesso in poi”

“Tutto quello che avremo potuto essere io e te se non fossimo stati io e te”

ioete
Autore: Albert Espinosa
Titolo Originale: Todo lo que podriamos haber sido tu t yo si no fueramos tu y yo
Anno pubblicazione: 2010
Anno pubblicazione Italia: 2011
Casa Editrice: Adriano Salani editore / TEADUE

Un titolo magnifico, che solo a leggerlo la prima volta cominci a viaggiare nella tua mente, perché naturalmente applichi sulla tua vita e di domandi “Cosa saremmo stati se fossimo diversi, se avessimo una vita diversa da quella che abbiamo?” Un grande titolo, da cui la gente si aspetta un grande dilemma d’amore. E d’amore parla questo libro, come tutti i libri di Albert Espinosa. Ma il fatto sta che lui ha un modo tutto suo di parlare della vita, dell’amore. E la storia che troviamo all’interno a molte persone potrebbe deludere, ho letto tante volte “Di bello nel libro c’è solo il titolo.”, che peccato un commento del genere. Perché quello c’è troviamo all’interno del libro è una storia straordinaria, di una perdita che sconvolge il protagonista, a tal punto a fare un passo folle, non di suicidarsi, ma di rinunciare al sonno, come se fosse la salvezza. Ma l’arrivo di uno “straniero” blocca l’azione, e apre gli occhi ad una realtà che il mondo non è pronto ad accettare. È sopratutto tra vari eventi, fa capire che dormire spesso è proprio la salvezza per un umani in questo mondo così frenetico, così crudele. Addormentarsi e sognare, l’unica cosa innocente che ci rimane da fare.

Albert Espinosa o ti piace o non ti piace. Ha una scrittura molto particolare, che in tutti gli altri scrittori non ho mai sopportato, e in lui amo. Mi piace la semplicità con cui ti arriva al cuore, e ti commuove.
Questo è il suo primo romanzo, ne seguono altri. E a mio parere un libro dopo altro, non ha fatto che migliorare.

La sua opera più famosa in Italia “I braccialetti rossi” per il film a puntate trasmesso su RaiUno.

Altri libri:
“Se mi chiami mollo tutto…però chiamami”
“Bussola alla ricerca dei sorrisi perduti”

Posted in Senza categoria | Commenti disabilitati su “Tutto quello che avremo potuto essere io e te se non fossimo stati io e te”

Wulf Dorn

Mentre sto leggendo il terzo libro di Wulf Dorn “Follia profonda”, scopro l’uscita del suo nuovo libro dal titolo “Phobia”, purtroppo ancora non pubblicato in Italia, ma ho la fede in casa editrice Corbaccio, che per ora ha pubblicato tutti i suoi libri, che ci sta già lavorando alla traduzione. Non vedo l’ora che esca.
Dopo il suo primo romanzo d’esordio “La psichiatra”, l’autore mi ha completamente conquistato. Da sempre affascinata di ospedali psichiatrici, non potevo non innamorarmi del suo romanzo, e con piacere, grande piacere, anche altri romanzi sono sempre nella Waldklinik (almeno i primi tre :) )

I suoi romanzi:
La psichiatra
Il superstite
Follia profonda
Il mio cuore cattivo
Phobia (in attesa di pubblicazione in Italia).

image

“Un giorno, forse”

someday

Famosa per il telefilm “Una mamma per amica” (“Gilmore girls”) Lauren Graham pubblica il suo primo libro dal titolo “Un giorno forse”. Subito riscuote successo in patria, e presto diventerà anche un telefilm. E Lauren probabilmente pubblicherà anche il seguito.

Autore: Lauren Graham
Anno pubblicazione: 2013
Anno pubblicazione Italia: 25 marzo 2014
Titolo originale: Someday, someday maybe
Casa editrice: Sperling & Kupfer

Trama: Quante volte Franny Banks, passeggiando sulla Quinta Avenue con gli anfibi e l’uniforme da cameriera, si è detta: Un giorno, forse, camminerò su questa strada con i tacchi alti e il portamento da vera diva. Quando è arrivata a New York, aspirante attrice e aspirante molte altre cose, Franny aveva un piano: sfondare nel cinema nel giro di tre anni. Ora ne sono passati due e mezzo, e le cose non stanno andando esattamente come sperato. La sola parte che ha ottenuto è stata in uno spot pubblicitario…

Se non l’avesse scritto Lauren, non credo che avrei mai acquistato questo libro..se non, magari, 10 anni fa. E’ un romanzo comico, che cerca farti ridere, e sicuramente sarà un gran telefilm. Comico, e molto americano. Ciò che io non leggo quasi mai. Non è il mio genere. Ma ciò nonostante l’ho letto con piacere, la protagonista la immaginavo con il volto di Lauren, anche se continuavo a ripetermi, che non sarà lei ad interpretare Franny Banks. Ma pensandola col volto ormai famoso, ridevo ancora di più. Perchè in fondo, Lauren, credo che assomigli un pò a Lorelai Gilmore, la comicità che c’è in Lorelai, non può mancare in Lauren. Mi ha fatto ridere l’agenda. Mi hanno fatto pena i provini. Ho da subito preso in simpatia uno, ed in antipatia l’altro. E ho fatto la mia camminata sul tapetto rosso, imbarazzata da tanti flash.
Il finale? Ma perchè c’è un finale? Quello è arrivato veramente inaspettatamente, con un semplice “Biip”. Vai a capire il significato.

laurenbook

Posted in Senza categoria | Commenti disabilitati su “Un giorno, forse”

Nuova lettura

Il nuovo libro, da poco uscito, di Lauren Graham, meglio conosciuta come Lorelai Gilmore di “Una mamma per amica”.

“Storia di una ladra di libri” parte 1 – libro

Precedentemente pubblicato con il titolo “la bambina che salvava i libri”.

Autore – Markus Zusak
Anno pubblicazione: 2005
Pubblicazione Italia: 2007
Titolo originale: The book thief
Casa Editrice: Frassinelli

Ho rimandato a lungo la lettura di questo libro, finchè non ho visto che stava per uscire il film, così ho acquistato subito il libro, ormai con il nuovo titolo. La vecchia pubblicazione sembra impossibile da trovare, se non magari di seconda mano, o nei negozietti piccoli, piccoli ed io non rinuncerò finche non l’avrò. Devo ammettere che l’acquisto è sempre stato rimandato per colpa della copertina, mi attirava il titolo e respingeva l’immagine. Faceva, stupidamente, anche paura la trama che riguarda la guerra e il nazzismo. E mi sbagliavo di grosso. Perchè la guerra non è al centro della trama. Ma ben le emozioni che provoca.
Eccomi dopo averlo letto, e non riesco smettere di pensarci. Era veramente da tanto tempo che non versavo le lacrime leggendo.
Non c’è niente di giusto in una guerra. Anche se la vinci, ugualmente perdi.
Nella storia è impossibile a non affezionarsi ai personaggi, nel mio caso sopratutto, a Hans Hubermann. I personaggi sono ben descritti. E alla fine provi tenerezza anche per il personaggio che per tanto tempo ti ha sputato sulla porta.
Fai delle camminate con Liesel e Rudy, giochi a calcio con loro e gli altri compagni. Porti la biancheria per tutta Molching. Entri nella città, e vivi con i protagonisti.

E tutto questo viene raccontato da un personaggio alquanto particolare, la Morte. Ma non ti fa paura, ti tiene compagnia, e sei quasi comprensivo con tutto il lavoro che le tocca fare.

Sono molto curiosa di leggere la precedente pubblicazione, per vedere le differenze, perchè sono inevitabili.

Posted in Senza categoria | Commenti disabilitati su “Storia di una ladra di libri” parte 1 – libro

La fuga

Dimmi che musica ascolti e ti dirò chi sei.

Dimmi cosa leggi e ti dirò chi sei.

 

 

1 2