“Tutto quello che avremo potuto essere io e te se non fossimo stati io e te”

ioete
Autore: Albert Espinosa
Titolo Originale: Todo lo que podriamos haber sido tu t yo si no fueramos tu y yo
Anno pubblicazione: 2010
Anno pubblicazione Italia: 2011
Casa Editrice: Adriano Salani editore / TEADUE

Un titolo magnifico, che solo a leggerlo la prima volta cominci a viaggiare nella tua mente, perché naturalmente applichi sulla tua vita e di domandi “Cosa saremmo stati se fossimo diversi, se avessimo una vita diversa da quella che abbiamo?” Un grande titolo, da cui la gente si aspetta un grande dilemma d’amore. E d’amore parla questo libro, come tutti i libri di Albert Espinosa. Ma il fatto sta che lui ha un modo tutto suo di parlare della vita, dell’amore. E la storia che troviamo all’interno a molte persone potrebbe deludere, ho letto tante volte “Di bello nel libro c’è solo il titolo.”, che peccato un commento del genere. Perché quello c’è troviamo all’interno del libro è una storia straordinaria, di una perdita che sconvolge il protagonista, a tal punto a fare un passo folle, non di suicidarsi, ma di rinunciare al sonno, come se fosse la salvezza. Ma l’arrivo di uno “straniero” blocca l’azione, e apre gli occhi ad una realtà che il mondo non è pronto ad accettare. È sopratutto tra vari eventi, fa capire che dormire spesso è proprio la salvezza per un umani in questo mondo così frenetico, così crudele. Addormentarsi e sognare, l’unica cosa innocente che ci rimane da fare.

Albert Espinosa o ti piace o non ti piace. Ha una scrittura molto particolare, che in tutti gli altri scrittori non ho mai sopportato, e in lui amo. Mi piace la semplicità con cui ti arriva al cuore, e ti commuove.
Questo è il suo primo romanzo, ne seguono altri. E a mio parere un libro dopo altro, non ha fatto che migliorare.

La sua opera più famosa in Italia “I braccialetti rossi” per il film a puntate trasmesso su RaiUno.

Altri libri:
“Se mi chiami mollo tutto…però chiamami”
“Bussola alla ricerca dei sorrisi perduti”

Comments are closed.